venerdì 25 novembre 2011

Ruote da 26 o da 29 pollici?

Gli appassionati di ciclismo sono sicuramente a conoscenza della diatriba sulla misura delle ruote da mtb che ultimamente sta dividendo i sostenitori delle più tradizionali 26 pollici e gli amanti delle nuove 29 pollici.

Vorrei subito chiarire che io, pur non avendo ancora provato una bici da 29” (se ne avrò occasione lo farò) sono, forse un po contro tendenza, un sostenitore delle ruote da 26” e in questo post vorrei spiegarne il motivo cercando di analizzare, da un punto di vista puramente teorico, le differenze fra i due standard.

Per prima cosa possiamo affermare con certezza che, a parità di modello,  una ruota da 29” è più pesante di una da 26” e questo, secondo me, è già un primo importante punto a sfavore delle 29".

Sappiamo tutti infatti che guidare una bici con ruote più leggere agevola i rilanci e i cambi di traiettoria, cosa molto frequente nella pratica della mountain bike inoltre, sulla bilancia, la stessa bici da 26” risulterà complessivamente più leggera con tutti i benefici che ne deriva.

Probabilmente una ruota di diametro maggiore, per effetto della forza giroscopica, avrà il vantaggio una volta lanciata, di aiutare a mantenere più a lungo la velocità favorendo quindi la progressione su strade regolari.

Altro aspetto da analizzare è la maggiore impronta a terra delle 29” che, secondo i sostenitori di questo standard, garantisce notevoli benefici nella guida in fuoristrada grazie alla migliore aderenza del copertone.

Io penso invece che questo sia un falso vantaggio in quanto maggiore aderenza vuol dire anche maggiore attrito e quindi minore scorrevolezza.

Nel caso poi in cui volessimo effettivamente avere più grip anche con una ruota da 26”, è sempre possibile montare una gomma di sezione maggiore che aumenti la superficie di contatto con il terreno (ad esempio una 2.25 in luogo di una 2.00 o 2.10 che abitualmente usiamo).

Un elemento che invece sono convinto avvantaggi la ruota da 29” è la facilità con la quale possa superare gli ostacoli (ad esempio buche, radici, scalini), infatti grazie al diametro maggiore del cerchio, l’eventuale ostacolo risulterà più piccolo, l’impatto sarà distribuito su una superficie più ampia della ruota e la stessa passerà sopra con maggiore facilità; per contro però, nei curvini o nei tratti stretti e guidati (ad esempio un single track) le ruotone accompagnate probabilmente anche da qualche centimetro in più di interasse, renderanno la guida più impacciata.

Analizzando inoltre la ciclistica di una 29" mi viene da pensare che il baricentro risulti più alto e anche questo aspetto, nonostante i progettisti stiano cercando di limitare l’altezza da terra del movimento centrale, pregiudica l’equilibrio e la maneggevolezza.

Infine (anche se questo è un aspetto soggettivo), non posso dire che queste bici siano belle da vedere: in alcuni casi i telai appaiono deformi con tubi piantone curvati per alloggiare le grosse ruote che quasi arrivano a fregare sotto la sella.

Alla luce di quanto detto credo che una mtb che monta ruote da 26” risulterà più leggera, più reattiva e maneggevole e quindi più orientata ad un uso cross country e adeguata a chi ha uno stile di guida aggressivo.

Viceversa una mtb da 29” sarà più indicata per percorsi veloci e regolari e quindi più orientata ad un uso gran fondo e adatta a persone che prediligono una guida più regolare.

Ovviamente questo è un parere personale ma, proprio per questo, non condizionato e di sicuro non motivato da interessi di marketing.


Certamente chi deve acquistare una bici oggi ha di fronte una scelta difficile.


Julien Absalon corre con una 26 pollici
Io per il momento resto convinto che la 26" sia la scelta giusta tantè che molti top riders, dopo aver testato le 29" hanno continuato a correre con le 26" ma forse le decisioni prese dai big del cross country non sono del tutto personali cosi come Jaroslav Kulhavy (campione del mondo 2011 con una 29")  avrebbe comunque dominato la stagione anche con una 26”.

Concludo questo post dicendo che la verità spesso sta nel mezzo e i più informati sapranno sicuramente che piano piano sta emergendo anche un terzo standard …la ruota da 27,5 pollici!

UPDATE#1-PRIMO TEST 29" POLLICI
UPDATE#2-SECONDO TEST 29" POLLICCI
UPDATE#3-MEGLIO 26 o 29? QUATTRO ORE CON UNA FRONT 29er.





12 commenti:

  1. Penso al Futuro Pro 27,5
    Ciao
    Fabio
    www.mtb80.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. ... penso che Specialized sia caduta nel ridicolo, e i venditori ne faranno le spese. A me di sicuro non mi convience nessuno a passare alle 29, nè alle 30, nè alle 31.

    Dopo che hanno tentato di farci cambiare tutti la bicicletta perchè le ruote grandi erano meglio, adesso si torna indietro e si dice "grandi si ma non troppo"? e quindi vai con le 27.5?
    ... e magari dopo le 27,5 vedremo di nuovo le 26 scommetto eh? E scommetto che leggeremo tanti di quegli articoli del tipo "le 29 non hanno mai convinto del tutto, e ma, e se, e se, e ma..." per poi scoprire che ciò che andava bene lo avevamo già, le ruote da 26. E tornare punto a capo perchè non c'è più niente da inventare sotto questo punto di vista.

    Forse non sarò un grande biker, ma di sicuro come funziona il mercato l'ho imparato molto bene.

    RispondiElimina
  3. ...fare, ...disfare,......sempre lavorare.

    RispondiElimina
  4. ai ragione per me il futuro sara senza altro 26 anche perche credo che lagilita della 26 non lasuperi nesuno le 27.mezo e levetinove non ano 1 futuro perfare mtb se si in venta 1naltro tipo di sporto ciclistico forse loa vrano
    adesenpio io credo che le 29 vano bene per gare davelocitta in percorsi misti come ache le 27 e mezzo e conuqe credo che qelle casse che non costruiscano piu 26 lorifarano nuovamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. minkia, sei un killer della grammatica!!!

      Elimina
    2. Bellissima!Ciao.

      Elimina
  5. Complimenti per l'articolo di approfondimento!

    RispondiElimina
  6. EFFETTIVAMENTE LA 26 DA UNA GARANZIA CHE LE 29 NON POSONO ANCORA GARANTIRE.
    GOOD LUCK

    RispondiElimina
  7. le uniche 29 da prendere in considerazione sono quelle di alta gamma, che montano ruote di altissima gamma, al punto che l'inerzia delle ruote non diventa così penalizzante e si riescono ad apprezzare i vantaggi, per quello che riguarda la maneggevolezza, appunto, dipende tutto dall'inerzia, se l'interasse è lo stesso, gireranno allo stesso identico modo, la sensazione di lentezza nel cambiare direzione dipende dalle geometrie, che sono diverse da modello a modello e da costruttore a costruttore, quindi non si può prendere una generica 29 e confrontarla con una 26 per farci un manuale su come scegliere una bicicletta

    se prendi una 26 economica e la paragoni con la tua scott scale in carbonio con ruote crossmax slx, cose ne viene fuori? paragona bici della stessa categoria, montante allo stesso modo, non pretendere di guidare la 29 come la 26 e vedrai che è efficace tanto quanto ed anche più della 26

    RispondiElimina
  8. Ciao. Condivido al 100% le tue considerazioni. Sono un convinto 26er tanto che me ne sono appena fatta un'altra tra i "fischi" e i "buuu" dei miei amici ovviamente sostenitori di 29"".
    Ho cominciato a praticare mtb nel 1991 e quindi un po' di esperienza (poca...) credo di averla.
    intorno al 92-93 vennero fuori "Diamond back" e "Marin" che sostenevano che era importante il telaio lungo. Il mercato si oriento' in questa direzione e tutti (io compreso...) di corsa a cambiare bici x avere il meglio. Dopo qualche anno siamo tornati a pedalare quasi rannicchiati con bici nuove che promettevano migliori performance. Questa della 29" è stato un bel botto che ha fatto e sta facendo frullare un sacco di soldoni. Quando questo rallentera' o si fermerà addirittura allora inventano la bici con due ruote posteriori che ridurra" il rischio di caduta e la stabilità in discesa....
    Sbattetevene dei commenti o discorsi...
    Buona pedalata a tutti!

    RispondiElimina
  9. Sono uscito con due amici che hanno una 29 e una 27,5 mentre io una 26 devo dire che in salita come in discesa c'è stato un margine di distanza abbastanza considerevole a mio favore, la differenza non la fanno solo le ruote con telaio ma anche i componenti e chi pedala, però trovo la 26 più scattante leggera e il baricentro più basso rende più interessanti e divertenti gli spostamenti su sterrato a discapito della 29 che ha una maggiore stabilità e rigidità,
    la scelta si fa in base alle proprie esigenze e non per quello che ti propongo i rivenditori.

    RispondiElimina